Serbatoi in acciaio inox per la vinificazione: caratteristiche e vantaggi

Durante i vari processi di produzione l’utilizzo di serbatoi in acciaio inox per la fermentazione, lo stoccaggio, la conservazione e l’invecchiamento del vino si è progressivamente affermato negli ultimi decenni grazie alle caratteristiche di questo materiale che si prestano perfettamente alla vinificazione.

Ma vediamo brevemente come è cambiato nel corso degli anni l’utilizzo dei materiali nel settore enologico.

Cenni storici sull’evoluzione dei contenitori per la fermentazione del vino

Nell’antichità il contenitore più usato nella produzione del vino era quello realizzato in terracotta di cui rimangono numerosi reperti storici. In seguito si è diffuso l’impiego di botti e tini in legno di cui si è fatto largo uso per molti secoli.

Alla fine del milleottocento  si sono iniziate ad utilizzare per la fermentazione e la macerazione con bucce le vasche in muratura e in cemento armato che hanno poco per volta soppiantato i contenitori di legno. Le vasche in muratura sono state poi progressivamente eliminate e sostituite dai contenitori in ferro internamente smaltiti con resine fenoliche e in seguito con resine epossidiche che però presentava elevati costi di manutenzione.

Intorno al 1965 inizia la costruzione di contenitori con materiali compositi quali il PRFV (poliestere rinforzato con fibre di vetro) che viene utilizzato anche per la fermentazione.

Con gli anni settanta inizia la rapida ascesa dell’acciaio inossidabile che è particolarmente adatto alla fermentazione sia  perché ai vantaggi del inerzia chimica si unisce la buona conducibilità termica e la possibilità di applicare a piacere tutti gli accessori necessari anche in un secondo tempo, quando nell’impiego emergono nuove esigenze o dispositivi innovativi.

Come deve essere un contenitore per vino efficiente?

Per ottenere vini di qualità è necessario che i vari contenitori utilizzati durante l’intero processo di vinificazione assolvano alle seguenti caratteristiche:

  • Devono essere resistenti alla corrosione da parte del vino e degli agenti esterni;
  • Devono consentire la giusta dispersione termica;
  • Devono essere impermeabili;
  • Devono essere facili da pulire e mantenere;
  • Durare a lungo senza cambiare le proprie caratteristiche.

Principali caratteristiche e vantaggi dei serbatoi acciaio inox per vino

L’utilizzo dei serbatoi in acciaio inox nel mondo della vinificazione è ai nostri giorni è prevalente perchè l’acciaio inox contiene i vini senza alterarne in alcun modo tutte le proprietà fisiche e chimiche.

In genere per la realizzazione dei contenitori vengono usati gli acciai inossidabili austenitici di tipo AISI 304 e AISI 316 (quest’ultimo contiene molibdeno, che lo rende maggiormente resistente agli aggressivi chimici) e talvolta viene utilizzato anche l’acciaio Duplex.

Principali vantaggi dell’uso dell’acciaio sono:

  • Durata praticamente illimitata e facilità di pulizia.
  • Possono essere predisposti con con camicia bugnata per il controllo della temperatura evitando l’alterazione del vino e riducendo i costi energetici per lo stoccaggio a temperatura controllata.
  • Non alterano il sapore del vino.
  • Evitano sprechi del contenuto.

La possibilità di controllare la temperatura tramite macchine refrigeranti e l’abbinamento con strumenti per l’auto azione dei processi fermentativi rende i serbatoi in acciaio inox perfetti per la fermentazione delicata dei vini bianchi.

Inoltre le autoclavi  in acciaio inox sono particolarmente adatte  per la spumantizzazione dei vini essendo un tipo di contenitore particolarmente robusto che resiste alle pressioni elevate.

 Vieni a scoprire l’ampia gamma di  Contenitori e serbatoi vinificazione in acciaio inox di Azzini Spa, chiamaci per qualsiasi necessità!